1) Come si muove l’Italia sullo Smart Working?

Negli ultimi due anni, in Italia si rileva un aumento d’interesse sul tema del lavoro agile da parte di media, imprese e del Governo. Questo fatto è dimostrato dall'organizzazione di eventi dedicati allo Smart Working, come per esempio la Giornata del lavoro agile che è arrivata nel 2016 alla sua terza edizione, e in parallelo, dall’emanazione di  Disegni di Legge che stanno aprendo la strada alla trasformazione delle aziende. Dal 2015, con la Legge Madia, è stata introdotta una sperimentazione sullo Smart Working e sul telelavoro nella PA.

Nonostante il contesto normativo la prassi aziendale, attraverso accordi con le parti sociali, ha dato e vita e ha permesso l'avvio dello Smart Working nelle aziende italiane.

2) Smart Working e PA: la sperimentazione è partita!

Da agosto 2015, con l'approvazione della Legge Madia i dirigenti della PA sono obbligati a dotarsi di tecnologie che agevolino lo Smart Working e il telelavoro. Con questo provvedimento, il governo ha avviato una sperimentazione di tre anni sul 10% dei dipendenti pubblici.

Anche la Regione Lombardia ha deliberato ad aprile 2016 le "Linee guida per la promozione di misure per lo Smart Working".

E non è tutto: la legislazione sul lavoro agile e sul telelavoro si sta intrecciando con la misurazione della produttività! Lo scorso marzo 2016 è infatti stato firmato il decreto sui premi di risultato e la partecipazione agli utili di impresa con tassazione agevolata, in cui si fa riferimento al lavoro agile.

  Vuoi saperne ancora di più su come creare valore aggiunto per la tua azienda grazie allo Smart Working?  Allora ascolta il seguente podcast sul sistema di collaboration Microsoft Office 365! [audio mp3="https://mondodigitale.timbusiness.it/wp-content/uploads/2019/01/Podcast-Office-365-smartworking.mp3"][/audio]