Da diverso tempo, molte tendenze stanno guidando le supply chain verso una maggiore integrazione, prima tra tutte la competitività dei costi. Quando è migliorata l’efficienza delle operazioni interne, ulteriori riduzioni dei costi vanno ricercate nell’efficienza e nella sinergia all’interno delle catene di approvvigionamento.

I cicli di vita del prodotto diventano sempre più brevi. I cicli di sviluppo del prodotto più rapidi. Le aziende devono dunque ridurre i tempi di ciclo di sviluppo dei loro prodotti per rimanere competitivi su un mercato sempre più aggressivo.

La globalizzazione, inoltre, unita al bisogno crescente di personalizzazione di prodotti e servizi, ha accresciuto di parecchio il bisogno delle imprese di rispondere in tempi veloci alla domanda del mercato riducendo i tempi di distribuzione dalla produzione dislocata anche all’estero alla commercializzazione locale.

Se la globalizzazione ha però portato un grande vantaggio al consumatore, a livello produttivo ha comportato che le Supply Chain industriali si sono spesso distribuite anche a livello geografico, con una complicazione non trascurabile per le imprese.

Le tecnologie ICT a questo proposito danno una mano: si può infatti superare la frammentazione fisica e riaggregare la catena produttiva. Infatti, le informazioni raccolte in tempo reale sulle macchine e gli impianti industriali possono essere rese disponibili ai motori di analisi dei dati ed ai sistemi di business; questi ultimi possono essere integrati a livello interaziendale consentendo di unificare virtualmente Supply Chain frammentate a livello globale.

I fornitori, i rivenditori, i partner e tutti gli attori della catena del valore possono così allinearsi in tempo reale alle fluttuazioni della domandamassimizzando la soddisfazione dei clienti e riducendo al contempo le inefficienze e gli sprechi.

Grazie all’ICT, i produttori di macchine possono, ad esempio, proporre all’industria manifatturiera modelli machine-as-a-service, che vanno dall’outsourcing dei processi di manutenzione, al vero e proprio pagamento delle macchine in funzione dell’utilizzo. Tali modelli sono resi possibili grazie alla disponibilità remota di tutti i dati di funzionamento delle macchine.

L’accurata gestione delle tecnologie ICT al servizio della Supply Chain è essenziale per una strategia aziendale orientata al cliente ed è funzionale ad una migliore capacità di reazione alle variazioni della domanda.

 

Fonte Italtel ed elaborazione Mondo Digitale – TIM BUSINESS 2018