Piuttosto che nascondersi, è meglio dotarsi di un valido antivirus e backup in cloud! Gli attacchi hacker rappresentano una minaccia per tutti, nessuno escluso.

Chi, ad esempio, non ha sentito parlare di WannaCry, l’attacco informatico di portata mondiale che ha “spopolato” non più di un anno fa?

Trecentomila computer di aziende, istituzioni e Pubbliche Amministrazioni di oltre 150 Paesi, probabilmente non disponendo di un efficace antivirus e di un valido backup in cloud, sono stati infettati da un ransomware, distribuito sottoforma di un allegato malevolo che – di solito – viaggia attraverso le mail e, una volta aperto, è capace di “sequestrare” tutti i contenuti di un PC, rendendoli inaccessibili fino al pagamento di un riscatto.

Gli attacchi informatici non riguardano più solo le grandi aziende, ma colpiscono sempre più spesso anche piccole-medie imprese e professionisti. E aumentano in modo impressionante.

Stando ai dati del rapporto annuale del CLUSIT, l’associazione che riunisce tutti gli esperti di sicurezza ICT del nostro Paese, il 2017 è stato l’anno peggiore per la sicurezza informatica e il 2018 non promette nulla di buono. Basti pensare che nei soli primi 6 mesi del corrente anno il numero delle società che sono state vittime di un attacco hacker è raddoppiato rispetto allo scorso anno, colpendo soprattutto i settori dei servizi finanziari e dell’energia. Ciò è quanto emerge dal report “Cyber Attack Trends: 2018 Mid-Year Report” di Check Point Software Technologies.

 

Difendersi dagli attacchi informatici: un costo elevato per le aziende

Di fronte all’aumento esponenziale del cybercrime le aziende non stanno a guardare. Subire un attacco informatico è un grave danno economico e operativo: oltre ai problemi alle infrastrutture IT, le aziende perdono ore lavorative, informazioni e ricavi. Secondo l’Annual Cybersecurity Report 2017 di CISCO, il 22% delle aziende che hanno subito un attacco ha perso clienti, il 29% ha perso fatturato e il 23% ha perso delle opportunità di business.

La minaccia è concreta e per questo è fondamentale per professionisti e aziende dotarsi di antivirus e di avanzate soluzioni di protezione in cloud, che aiutino ad evitarla, o almeno a ridurla.

Per questo il mercato delle soluzioni di sicurezza informatica è cresciuto parecchio nel 2017, registrando un incremento del 12% rispetto al 2016, secondo i dati dell’Osservatorio del PoliMI. E nel 2018 è ulteriormente aumentata la consapevolezza dell’importanza dell’Information Security e, di conseguenza, sono esplosi gli investimenti in sicurezza e privacy: già nel 2017 ogni azienda ha speso in media 11,7 milioni di dollari per difendersi dagli attacchi informatici (fonte: indagine Cost of Cyber crime study); data l’evoluzione nel 2018 di tale preoccupante fenomeno, quanto dovrà stanziare un azienda per la sua prevenzione?

  

Già! La miglior difesa è la prevenzione …

Difendersi ad attacco già avvenuto è sicuramente meno vantaggioso che mettere in campo preventivamente delle soluzioni che mettano al sicuro i dati delle aziende.

Cosa serve allora? Antivirus per i diversi dispositivi aziendali, archivi protetti e criptati per la gestione delle password e di tutti i contenuti sensibili, sistemi di backup di file e dati. Il tutto possibilmente in cloud, in modo che possa essere sempre raggiunto, monitorato e gestito da qualsiasi device collegato in Rete.

Ogni professionista e azienda può dotarsi di questi strumenti con facilità e costi limitati.

Affidandosi a TIM, ad esempio, si può scegliere Kaspersky Small Office Security, una soluzione che, senza necessità di competenze IT interne, consente alle aziende di:

  • proteggere fino a 50 dispositivi aziendali (PC, tablet e smartphone) da attacchi online, ransomware e perdita di dati
  • monitorare e gestire la protezione dei device attraverso un unico punto di accesso, connesso grazie alla console in cloud
  • crittografare e archiviare in modo sicuro dati e documenti
  • memorizzare le password in un archivio protetto

Affrontare con la giusta strategia e con strumenti adeguati gli incidenti informatici preserva il valore del business e l’immagine della propria azienda. E allora, non facciamoci trovare impreparati!

Potrebbe interessarti anche:

14/11/2018
IDEE DI BUSINESS

IAB Forum 2018