Lo sviluppo delle infrastrutture 5G è in corso in tutto il mondo, il connubio tra Smartphone 5G e Intelligenza Artificiale si affermerà sul mercato già nel biennio 2019-2020. L’anno 2020 dovrebbe essere l'anno del boom dell’innovazione e la rete di quinta generazione ne rappresenta l’acceleratore.

Infatti i miliardi di informazioni di business raccolte nelle transazioni per soluzioni B2B e B2C devono essere sempre più raccolti in silos di dati, i cosiddetti cloud o multi cloud, resi disponibili lungo tutta la supply chain dei processi organizzativi, nelle realtà dove trovano spazio la macchine intelligenti i cui dati sono resi disponibili in real time.

Nel nuovo ecosistema due sono i fattori basilari:

  • le sorgenti d’informazione dei dispositivi connessi (i sensori Internet of Things avranno un ruolo fondamentale);
  • le reti di trasporto (la super velocità del 5G, attore abilitante).

Considerati i miliardi di dati provenienti dai sensori IoT e riversati in cloud o multicloud l’elemento velocità diventa cruciale. Ecco perché solo la tecnologia 5G può dare seguito e valore alla mole di dati e informazioni disponibili.

La velocità diventa un fattore nodale per tutte le applicazioni del 5G, si pensi alla domotica, o a settori produttivi e sociali che fanno la differenza nella vita delle persone, sempre più in mobilità. Dalla robotica al self driving car, dallo smart health, alla sorveglianza, dal digital payment alla smart agricolture, etc.

All'ultimo Mobile World Congress di Barcellona non s'è parlato d’altro. Gli smartphone si controllano a distanza con un gesto, si connettono a velocità venti volte superiori a quelle attuali, o riconoscono il sistema venoso della mano del suo proprietario per sbloccare lo schermo.

Anche qui si parla di velocità. Frank Lee, Direttore della Comunicazione di LG, presenta i nuovi device che nei prossimi mesi vedremo anche in Italia, e ne sottolinea la velocità. Grazie alle reti 5G gli utenti potranno contare sempre su di un’altissima banda larga a disposizione con una bassissima latenza nella velocità di trasmissione, dati di decine di megabit al secondo per decine di migliaia di utenti.

Un altro interessante esempio è dato dall’automotive, si pensi alla differenza tra una tecnologia 3G rispetto a quella del 5G. Una auto soggetta a frenatura con tecnologia 3G percorrerebbe 3 metri dall’impulso all’azione. Una munita di tecnologia 5G ne percorrerebbe solo 3 cm. La velocità, in questo caso, accorcia significativamente le distanze e mette al sicuro le persone.

 

Vuoi creare valore per la tua impresa con le connessioni M2M tra oggetti in un ecosistema IoT?

Allora ascolta il seguente podcast!

[audio mp3="https://mondodigitale.timbusiness.it/wp-content/uploads/2019/04/Podcast-M2M-IoT-fc.mp3"][/audio]

Potrebbe interessarti anche:

12/04/2019
IDEE DI BUSINESS

IOTHINGS Milano 2019